Seadas (sebadas)   – dolce sardo –

Condividi sui social network:

Oppure puoi semplicemente copiare e condividere questa url

Seadas (sebadas) – dolce sardo –

    Indicazioni

    Condividi

    Dose per 30 sebadas:

    • 500 gr. di farina di grano duro
    • 200 gr. di semola fina + 30 gr. per il ripieno
    • 500 gr. di pecorino fresco a tocchi e conservato per 2 gg a temperatura ambiente
    • 2 cucchiai del siero del pecorino
    • 70 gr. di strutto
    • 2 cucchiaini di sale grosso sciolti in 3 mis. di acqua tiepida
    • scorza di 1 limone
    • 3 cucchiai di vino bianco
    • olio per friggere
    • miele dolce o amaro a piacere.

    Preparazione
    Inserire nel boccale farina e semola: 5 sec. vel.5. Aggiungere dal foro del coperchio con lame in movimento vel.4, i 3 mis. di acqua salata, strutto e vino bianco: 30 sec. vel.4 e 4 min. vel.spiga. Togliere e mettere da parte. Senza lavare il boccale inserire 30 gr. di semola e la scorza di limone: 40 sec. da vel.6 a vel. turbo. Aggiungere il formaggio: 5 sec. vel.turbo. Unire il siero: 3 min. 70°C vel.1-2, affinchè il composto risulti filante. Lasciarlo nel boccale al caldo e velocemente formare delle palline di circa 30 gr. Spianarle a forma di piadina (diam. 8 cm.) e continuare fino ad esaurimento del composto. Stendere l’impasto fino ad ottenere una sfoglia sottile (2 mm. circa), e formare tanti dischetti di 14 cm. di diametro. Su questi dischetti appoggiare il formaggio e chiuderli con un altro dischetto premendo bene i bordi. Friggere le sebadas in abbondante olio e servire ricoperte di miele amaro o dolce. E’ una specialità di Nuoro e dintorni che val la pena di provare.

    NOTE: l’impasto di farina e semola deve staccarsi dalle pareti, lasciando il boccale pulito.

    Mara Nobile

    Mi chiamo Mara, ho 32 anni e mi piace cucinare e preparare ricette per Bimby da pubblicare su questo mio Blog. Commenta le mie ricette o inviami le tue!

    Featured Image
    precedente
    Rusumada
    successivo
    Pasta sarde e finocchietti
    Featured Image
    precedente
    Rusumada
    successivo
    Pasta sarde e finocchietti

    Aggiungi il tuo Commento

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.